Vai al contenuto

Crieri e il bracciale tennis più sottile al mondo

Molte tipologie di gioielli seguono oggi le mode del momento, gioielli senza dubbio bellissimi che però purtroppo sono destinati ad un certo punto ad essere messi da parte, in cassaforte, in attesa che la moda ormai fuggita dalle passerelle possa tornare di nuovo in auge. Per fortuna però che esistono anche gioielli che vivono al di fuori di tutto questo, gioielli che non seguono alcuna moda né tendenza, gioielli che sono anzi al di sopra di qualsiasi moda. Si tratta insomma di gioielli evergreen che saranno sempre considerati dalle donne dei veri e propri oggetti del desiderio, gioielli che possono anche essere tramandati di generazione in generazione ovviamente diventando così persino cimeli di famiglia. Tra i gioielli di questa tipologia dobbiamo sicuramente ricordare l'ormai famoso bracciale tennis, bracciale semplice, sottile, flessibile, tempestato da diamanti. Il bracciale tennis è amato dalle donne perché è lussuoso ed elegante, ma anche perché allo stesso tempo è davvero molto semplice e versatile, perfetto quindi per essere indossato in una serata particolarmente importante così come per una uscita con gli amici, ideale persino per le donne che amano vestire in modo sportivo e che non vogliono in alcun modo dare troppo nell'occhio.

Dalle origini al bracciale tennis contemporaneo

Abbiamo già avuto modo di parlarvi delle origini del nome bracciale tennis. Ripercorriamo insieme per un attimo però questa storia che resta ancora oggi davvero affascinante. Era il 1987 e la famosa tennista Chris Evert stava disputando un'importante partita agli Open USA. Ad un certo punto però Chris alza la mano e chiede al giudice di fermare la partita. Inizialmente in molti hanno creduto che la Evert si fosse fatta male o avesse notato qualche problema sul campo, invece aveva semplicemente perso uno dei preziosi braccialetti che era solita indossare. Si trattava nello specifico del braccialetto disegnato da George Bedewi, un bracciale tennis come siamo soliti chiamarlo oggi. Peccato però che a quel tempo questo nome ancora non esistesse. Fu proprio Chris Evert a chiamarlo in questo modo, momento storico in cui la tennista in modo del tutto inconsapevole aveva forgiato un termine che da quel momento non avrebbe più abbandonato il mondo della gioielleria. Questo bracciale flessibile con diamanti incastonati l'uno in fila all'altro è diventato proprio da quel momento un vero e proprio must have per tutte le donne, un gioiello che nel corso degli anni non ha modificato poi molto il suo aspetto. Certo, abbiamo avuto modo di vedere questo gioiello cambiare colore, non più infatti solo diamanti bianchi, bensì anche diamanti di altri colori sono stati utilizzati per questo bracciale per renderlo sempre più attento alle esigenze delle donne di oggi. Certo, abbiamo avuto modo di osservare anche le sue dimensioni cambiare, un bracciale che non è stato proposto solo nelle versioni più sottili, ma anche in versioni di sempre maggiore spessore e quindi di sempre maggiore lusso. Dobbiamo ammettere però che il concept è rimasto sempre lo stesso per anni. Poi ad un tratto è arrivato il marchio Crieri, un marchio questo Made in Italy al cento per cento che ha rivoluzionato il mondo del bracciale tennis. La rivoluzione che Crieri è riuscito a creare deve prima di tutto essere ricercata nella conformazione del bracciale, un bracciale brevettato che infatti è il più sottile del mondo intero. Non solo, con il passare degli anni Crieri ha cercato anche di seguire quelle che sono alcune delle tendenze più interessanti per cercare di soddisfare le esigenze di ogni possibile cliente, anche di quelle più giovani.

Il bracciale tennis Crieri, il più sottile

I bracciali tennis di Crieri sono come abbiamo prima avuto modo di osservare i più sottili del mondo intero. Ciò è stato possibile grazie ad un innovativo sistema di ammagliatura che permette di ridurre la quantità di metallo utilizzato anche del 30%. Il bracciale tennis diventa così davvero molto sottile e davvero molto leggero, un bracciale la cui presenza non si sente neanche, un bracciale che le donne possono tranquillamente dimenticare di avere al polso. La presenza di una minore quantità di metallo è importante inoltre per permettere ai diamanti di mettersi in primo piano. I diamanti assumono infatti una posizione di maggiore rilievo, il loro volume sembra molto più elevato di quanto non sia e riescono senza dubbio a far scendere in campo la piena potenzialità della loro luce, bracciali quelli di Crieri che riescono a splendere in modo più intenso rispetto a qualsiasi altro bracciale tennis disponibile sul mercato. Ma un bracciale tennis tanto sottile non è soggetto a rovinarsi più in fretta? Questa è una domanda più che legittima, visto soprattutto l'elevato pregio di questi gioielli e visto che si tratta di creazioni che le donne amano indossare sempre, senza mai toglierle dal polso. La paura infatti è che portando di continuo un gioiello così sottile l'usura possa andare a rovinarlo, la paura è che rimanendo magari impigliate con questo bracciale lo si possa rompere molto più facilmente. Tutte queste paure sono però del tutto infondate, Crieri è famoso infatti proprio per la grande resistenza della sua maglia tennis. Nonostante si tratti di creazioni molto sottili, non c'è alcun pericolo che possano rompersi con facilità. Vi ricordiamo che la maglia tennis di Crieri non viene utilizzata solo per la produzione di bracciali, ma anche per la produzione di altre tipologie di gioielli. Non solo, Crieri produce anche la maglia tennis direttamente a metraggio.

Crieri, come cambia il bracciale tennis

Come abbiamo prima osservato Crieri si sta distinguendo anche nella realizzazione di nuovi bracciali tennis più attenti alle esigenze delle donne di oggi. Si tratta di bracciali che in questo caso seguono le mode del momento, ma che riescono comunque a mantenere intatto il loro mood evergreen. Le due collezioni Multifile e Safari di Crieri sono l'esempio perfetto di come un bracciale tennis può rimanere fedele a se stesso anche nel cambiamento, di come può evolversi e diventare accattivante anche per le donne più giovani, anche per le donne più estrose e stravaganti. Le novità che questi bracciali portano le troviamo direttamente nel nome di queste due linee, i bracciali della linea Multifile infatti sono bracciali tennis di grande lunghezza che vengono legati più volte attorno al polso sino a creare appunto più file di diamanti mentre i bracciali della linea Safari sono stati realizzati con diamanti di vari colori in modo tale che una volta al polso possano ricreare una fantasia animalier.

Crieri inizialmente era un'azienda produttrice per altri marchi. Con il passare degli anni però ha deciso di iniziare a realizzare e a vendere un prodotto finito a proprio marchio e quest'anno sarà presente in oltre 300 gioiellerie con delle collezioni dedicate. Si è trattata di una scelta vincente che ha permesso infatti a questa azienda di crescere in modo davvero intenso e di veder aumentare il suo fatturato di oltre il 300% nel corso di appena un anno, che ha permesso a questa azienda di diventare una vera e propria leader nella produzione di questi meravigliosi bracciali evergreen. Coloro che sono alla ricerca di un eccellente bracciale tennis è proprio a Crieri quindi che dovrebbero rivolgersi.